06 novembre 2006

HD Radio accelera sul marketing

Senza fare troppo rumore - ma senza neanche raggiungere risultati davvero sensibili, almeno in termini di ricevitori venduti - il sistema di radio digitale Ibiquity HD Radio sta portando avanti una strategia di accerchiamento dell'analogico. Fautori importanti come Clear Channel, la grossa conglomerata di stazioni USA, attraversano un momento di seria crisi finanziari, ma il consorzio HD Digital Radio Alliance annuncia per l'11 novembre l'inizio della seconda fase di una campagna di marketing da 200 milioni di dollari complessivi. Tra le altre iniziative sono previsti 150 spot pubblicitari a settimana sulle stazioni appartenenti al consorzio e una significativa ondata di nuove uscite, tra nuovi ricevitori o moduli di adattamento HD Radio per autoradio (molti dei quali sono stati presentati al salone specializzato SEMA di Las Vegas) e sconti applicati alle poche radio finora uscite, come la solita Boston Acoustics Recepter, che a furia di ribassi e tagliandi sconto scende a 149 dollari. Sono attesi nuovi modelli Sangean e Cambridge SoundWorks (azienda del marchio Creative) e il coinvolgimento di retailer come Circuity City e RadioShack (anche lui non in buona forma finanziaria però). Il comunicato stampa qui incluso è interessante perché testimonia comunque un certo fervore e una capacità di coinvolgimento che il "concorrente" di HD Radio, il DRM, non ha mai dimostrato. Non crediate che non sappia che cosa sia un comunicato stampa: 50 parti di balle e 49 parti di aria fritta intorno a una mezza verità. Resta il fatto che il confronto HD Radio DRM non può non far apparire il secondo come un puro esercizio ingegneristico, almeno finora. Se avesse ragione il mio amico svizzero Markus Ruoss, quello dei test di Radio Sunshine di Lucerna, e HD Radio potesse davvero giocarsi le sue chances anche qui in Europa?

HD Digital Radio Alliance Touts First “Big Box” Retailer, RadioShack Expansion, Substantial Rebate on Receivers in Latest Round of $200 Million Marketing Campaign
Alliance Holiday ad campaign launches, promoting Circuit City rollout in top 10 markets; RadioShack’s expansion to 2500 stores

JVC lowers price on automotive, in-dash unit to the ‘magic’ $199 price point; up to $50 in rebates now available on select receiver models

ORLANDO, Florida – November 6, 2006 – The HD Digital Radio Alliance, a joint initiative of leading radio broadcasters to accelerate consumer adoption of HD digital radio, today announced that the next phase of its $200 million marketing campaign will launch on November 13, touting Circuit City as the initiative’s first “big box” retailer; the expansion of RadioShack’s national rollout to new markets; and the reduction of JVC’s in-dash, automotive receiver price to $199. Additionally, up to $100 in rebates are now available for select receiver models.
“This has been an incredible ten months and we believe these announcements punctuate HD digital radio as the fastest rollout of a digital consumer entertainment technology to date,” said Peter Ferrara, president and CEO of the HD Digital Radio Alliance. “As the pace of this rollout continues to pick up, we look forward to strong momentum and consumer excitement this holiday season.”

From Coast to Coast
Having just wrapped its successful fall campaign, the Alliance will launch its Holiday campaign on November 13 with 150 commercials per Alliance-member station per week. Ads will promote HD digital radio products in Circuit City stores in 10 markets and online at www.circuitcity.com. The Alliance will be advertising Web-site availability in 58 additional markets.
Alliance ads will also be promoting RadioShack’s expansion of its HD radio rollout to include some 2,500 stores nationwide. The retailer is now offering HD radios in stores located in 56 of the 68 markets where HD digital radio broadcasts have launched as well as online. Other Alliance partners to be promoted in the campaign include Amazon, Cambridge SoundWorks (which recently launched two new HD radio models), Crutchfield, Tweeter and JVC.
To get maximum impact from the ads, participating retailers and manufacturers will also be collaborating with the Alliance on additional marketing efforts that include print advertising, catalogue inclusion and online and in-store campaigns around the nation. The new ads can be heard at www.hdradioalliance.com.

Rebates up to $50 now available
The Alliance also noted that rebates of up to $50 are now available on select receiver models. Information is available at www.hdradio.com. Separately, JVC has lowered the price of its in-dash automotive receiver to $199 – with rebate, this enormously popular unit is just $149. Information on the receiver is available at www.mobile.jvc.com.
“As volumes have increased, we’ve been able to lower prices on this highly popular model,” said Chad Vogelsong, general manager of marketing for JVC Mobile Entertainment. “Sales are exceeding our expectations at this price point and with the rebate, we now have the most price-aggressive automotive model on the market.”

Growing Excitement
As retailers and device manufacturers jump on board with HD radio, there are more and more reasons for consumers to tune in. The nation’s 1000th HD radio station just went on the air, and more new HD2 multicast channels are going live every week, giving consumers a breathtaking variety of new entertainment and information options.
Holiday music will be crystal clear – and for AM and sports radio fans, events like the SuperBowl never sounded so close to live. Station promotions are helping even more consumers discover HD digital radio.

New Products and Where to Buy
New HD radio receiver products will be hitting retailers’ shelves just in time for holiday gift-giving. In addition to Cambridge SoundWorks’ new tabletop and component models, new units include: Sangean HDR-1 and HDT-1 HD; Radiosophy Multistream; Onyko and Denon units and Kenwood’s automotive HD radio converter.
New automotive converters were also recently showcased at SEMA. These plug-in and dockable units can turn any automotive radio – including satellite radio – into HD digital radio. Converters will be in retailers, car dealerships and dealer groups by Q1 2007. These devices are manufactured by Directed, Dice, Metra, AAMP/Peripheral and Visteon.
HD digital radio receivers are currently available from hundreds of retailers, including ABC Warehouse, Amazon.com, Circuit City, Crutchfield, Great Indoors (a unit of Sears Roebuck & Co.), J & R Music, RadioShack, and Tweeter. Links to online retailers selling HD digital radios are at www.hdradio.com.
HD digital radio receivers are currently manufactured by more than 18 companies, including Accurian (a RadioShack brand), Alpine, Audio Design Associates, Boston Acoustics, Cambridge SoundWorks, Day Sequerra, Delphi, DICE, Eclipse (Fujitsu), JVC, Kenwood, Niles, Panasonic, Polk, Radiosophy, Rotel, Sangean, Sanyo, Yamaha and Visteon.

About the HD Digital Radio Alliance
The HD Digital Radio Alliance is a joint initiative of leading radio broadcasters to accelerate the successful rollout of HD digital radio. Current members include major radio groups and independent station owners: ABC Radio (in Los Angeles and Minneapolis), Beasley Broadcast Group, Bonneville International, CBS Radio, Citadel Broadcasting, Clear Channel Radio, Cumulus, Emmis Communications, Entercom, Greater Media and independent owner Jerry Lee with WBEB Philadelphia. For more information on HD digital radio, visit www.hdradio.com.


Tags:

2 commenti:

Andrea Russo ha detto...

E' strano che HDRadio e DRM siano visti come concorrenti perche' sono due sistemi che funzionano su bande diverse.

HDRadio: AM (banda americana) ed FM
La modulazione HDRadio in AM restringe leggermente la banda utilizzata dalla modulazione AM tradizionale, in modo tale che l'ascoltatore non possa notare variazioni importanti della qualita' audio analogica, per poter utilizzare lo spazio creatosi, a sinistra ed a destra, per inserire portanti digitali.
Per quanto sappia pero' HDRadio in AM non e' utilizzabile in Europa dove i canali AM hanno una ampiezza, ed uno step, diversa e non c'e' abbastanza spazio per poter aggiungere la parte digitale.
HDRadio non funziona in onde corte.

DRM: non viene utilizzato in FM, anche se sono state fatte delle prove. Si aspetta il DRM+ per l'utilizzo in FM.
Funziona in AM e in onde corte.

Quindi le bande dove puo' essere utilizzato HDRadio sono diverse da quelle dove viene utilizzato il DRM.

Sono negli Stati Uniti HDRadio e DRM possono essere dei competitors nella banda AM.

Andrea ha detto...

Non è poi così strano. HD Radio di fatto può essere considerata una legittima alternativa al DRM - ovviamente si parla di DRM+ l'evoluzione dell'attuale standard - tra le tecnologie per la digitalizzazione della radio in ambito locale. Andrea ha perfettamente ragione quando dice che per ragioni di opportunità - forse queste, ancor più di quelle tecnologiche - non ha molto senso proporre HD Radio/IBOC come alternativa alle onde medie analogiche in Europa. Ma sulla fattibilità della cosa non sarei così categorico. Considerate che HD Radio AM nella sua forma ibrida prevede l'uso delle "side frequencies" ai due lati dello spettro analogico (più a dire il vero qualche fettina di spettro intorno alla portante e sullo spettro analogico per segnali di controllo). La cosa meriterebbe un approfondimento perché a quanto ne so, la diversa spaziatura della canalizzazione europea (9 kHz) e americana (10 kHz) determina sulle onde medie anche differenze di percentuale di modulazione e di compressione della baseband tra le due aree geografiche. Non so quindi, al di là dello spazio complessivamente inferiore, quanto possa essere verosimile "comprimere" la componente analogica in un eventuale HD Radio/IBOC all'Europea. Con tutto questo voglio dire che forse non si può escludere del tutto una sperimentazione HD Radio in AM in Europa.
Diverso, come dice lo stesso Andrea R., è il caso di HD Radio sull'FM. La sperimentazione in Svizzera (tra parentesi sto per pubblicare una notizia al proposito) ha esplicitamente voluto proporre HD Radio come alternativa al DAB, almeno in nazioni con regolamenti dello spettro delle frequenze degni di tale nome, dove è possibile parlare di fasce di protezione contro le interferenze adiacenti. Parlando a Lucerna con i rappresentanti di Ibiquity, tutti finivano per convenire che in Italia, la sperimentazione risulterebbe impossibile. In Svizzera (dove i bacini di utenza sono, lo ammetto, un po' meno consistenti), non dai fastidio a nessuno se attivi su base locale un canale HD Radio nello spettro cittadino dell'FM, perché la stazione più vicina è ad almeno 400 kHz.
Per come è stato gestito finora l'intero discorso del DRM, con una sperimentazione a mio parere molto poco oculata (e molto poco significativa, se mi permettete, visto che le radio commerciali, lo ripeto, non ci sono per il DRM AM e figuriamoci per il DRM+ in FM), non mi stupirei se il mercato finisse per esplorare, se non addirittura scegliere, alternative In Band On Channel come HD Radio. Se poi agli europei capitasse di interessarsi alle opportunità di trasmissione ibrida analogico-digitale offerte dal sistema Ibiquity... Anche per il DRM è in linea di principio possibile un simulcast analogico-digitale, ma con enorme dispendio di banda, trattandosi, a quanto ne so, di trasmissioni a spettri affiancati. L'idea di simulcast di HD Radio è più robusta, mi chiedo veramente se gli ostacoli a una sperimentazione nelle aree dove lo spettro delle onde medie è canalizzato a 9 Khz siano poi così insormontabili. Proverò a chiedere in giro.