15 luglio 2014

Radio Australia, tagli drastici e chiusura quasi certa delle onde corte

È arrivato il momento di confermare che pochissimo resterà dei contenuti oggi diffusi attraverso le onde corte, via satellite e su Internet da Radio Australia, braccio internazionale della statale ABC. La redazione in lingua inglese viene in pratica smantellata e le trasmissioni verrano costruite sulla base dei contenuti domestici. Altre lingue continueranno a produrre contenuti specifici, anche se in misura più limitata. Sembra addirittura che i tagli al personale verranno decisi per estrazione a sorte, non in funzione di meriti o anzianità. Non ci sono ancora termini precisi, ma è verosimile che l'intera infrastruttura degli impianti in onde corte verranno definitivamente smantellati, anche se come fanno notare i media australiani i programmi di Radio Australia hanno avuto un ruolo in questi anni di crisi nell'area del Pacifico e molti ascoltatori utilizzano ancora la vecchia radio nelle isole e a Papua Nuova Guinea. 
Da Taiwan, Keith Perron - personalità radiofonica canadese che cura un proprio programma di intrattenimento ritrasmesso in onde corte da Sri Lanka - riferisce che la crisi irreversibile del broadcasting terrestre internazionale ha indotto l'azienda cinese Sangean  a cancellare il suo catalogo di prodotti rivolto agli ascoltatori di una gamma di frequenze ormai svuotata di contenuti. Una volta esaurite le scorte, non ci saranno più ricevitori portatili HF marchio Sangean.

Radio Australia first up for job cuts as ABC restructures
THE AUSTRALIAN JULY 14, 2014 12:00AM

THE ABC will confirm a wave of job cuts today, with Radio Australia’s services the first major victim. A management proposal for a new “converged service” for its international broadcasting outlets will be outlined to staff today as the ABC rearranges its overseas obligations after the axing of the Australia Network television service. Staff at Radio Australia fear tens of jobs will go from it and the Australia Network, and they expect a number of its services within the region to be abandoned as the public broadcaster’s $35 million annual budget for international broadcasting, which was a combination of the Department of Foreign Affairs and Trade’s $20m annual budget for the Australia Network and RA’s $15m, contracts to approximately $15m.
[…]
The ABC Charter requires the public broadcaster to “transmit to countries outside Australia, broadcasting programs of news, current affairs, entertainment and cultural enrichment” that will, in part, “encourage awareness of Australia and an inter­national understanding of Australian attitudes on world ­affairs.”
While the efficacy of the Australia Network was questioned before its axing by DFAT under the Abbott government, the impact of Radio Australia’s service during times of political crisis in the Pacific region has been substantial. Even so, the recent efficiency review of the ABC and SBS overseen by Peter Lewis recommended Radio Australia discontinue its shortwave service.
(continua su The Australian)

10 luglio 2014

Dodici voci sintetiche: Modulus rinnova la tradizione del Moog nell'era di Internet

Costa 3750 euro il nuovo "poly-synth", un sintetizzatore ibrido a 12 voce sviluppato in soli 12 mesi dalla startup specializzata Modulus di Bristol. Modulus.002 utilizza tecniche tradizionali analogiche di filtraggio dei suoi oscillatori digitali (NCO) e può essere collegato in remoto attraverso Internet. Davvero uno strumento notevole come dimostra la presentazione, effettuata tra l'altro dal product specialist italiano, Luca Mucci (complimenti!).


Modulus Limited è stata fondata nel febbraio del 2013 da Paul Maddox, un tecnico con 15 anni di esperienza nel campo della sintesi musicale e da Philip Taysom, imprenditore tecnologico seriale.


Start-up launches innovative British designed and built analogue/digital music Synthesiser

Next generation music synthesiser will drive a new wave of music creation

Bristol, UK - 10 July 2014 - Modulus, a Bristol-based start-up that designs and manufactures musical instruments, has launched the Modulus.002, the world's first analogue/digital music synthesiser designed for the Internet age.  Designed and built in the UK by a team of passionate synthesiser experts, it creates the rich analogue sounds that have been at the heart of creative music since the 1960's by using a mix of classic analogue techniques and the latest digital technology to give reliability and innovation.
"Analogue synthesisers from the last century are collectors' items and highly sought after because of the amazing sounds but the electronics are now getting old and increasingly frail," explained Philip Taysom, Modulus co-founder.  "It's tough to use them for live performances or recording sessions as they are difficult to keep working.  Most modern designs of polyphonic synthesisers are pure digital and just don't have the same iconic sound qualities, in our opinion.  What we have created in the Modulus.002 is a fusion of these iconic analogue and hybrid sounds of the 70s and 80s synthesisers with the reliability of the latest electronics plus Internet connectivity to share sounds, settings and work collaboratively on music without relying on painfully slow serial/MIDI connections to do so.  This is the first synthesiser designed for the interconnected 21st Century.  The UK pioneered the synthesiser industry back in the 60s and 70s and that has grown to a three-quarters of a billion pound a year global business, but now with little UK input.  We are putting the UK back on the map with the first polyphonic synthesiser to have been completely designed and built in the UK for several decades."
Modulus was founded in 2013 by Philip Taysom and Paul Maddox.  Philip has over 30 years of experience in the electronics and computer industries having been CTO and co-founder of Planet Online (the creators of the highly successful Freeserve internet service), CTO and co-founder of inTechnology plc, and CEO of Peratech.  Paul has been designing synthesisers for over 15 years with a reputation in the industry for designing state of the art products that bring the best of classic designs into the modern age.  This highly experienced management team is complimented by designers and engineers, most of whom are also graduates in Music Technology.  This team of eight has taken just under a year to take the Modulus.002 from drawing board to volume production.
 "Alongside the voice architecture, a key innovation is that the Modulus.002 connects to the Internet," explained Paul Maddox, Modulus co-founder.  "As musicians and synthesiser enthusiasts ourselves, we know exactly how people actually use synthesisers and what they wish they could do; so we designed the Modulus.002 to be the instrument that meets those needs and be the next generation synthesiser to inspire a new wave of musical creation.  Synthesisers have been a defining part of the music of every decade for the past fifty years with each new generation of synthesiser providing a new soundscape.  Being able to work collaboratively is fundamental and the Modulus.002 enables this to happen very easily using its Internet connection to the Modulus, cloud-based server platform to share settings, sequences and sounds.  Musicians can now work together thousands of miles apart to create new music together.  But, we wanted to go further than this, so we're making our cloud technology Open Platform and, later in the year, we aim to form a consortium to encourage adoption of this standard by other manufacturers."
The Modulus.002 is the first in a planned family of synthesisers that will be launched over the next few years. Dealers and agents are being established in many countries and product will be available by the end of July 2014.  The UK price is £2995 plus VAT (£3594), the European price €3,750 plus the appropriate VAT and the US price is $5200 plus local sales tax -- prices correct at time of release.

Modulus.002
Using high quality components, the Modulus.002 is a premium product designed to be the flagship in the Modulus range.  The keyboard layout includes a semi-weighted, five octave key mechanism and has been ergonomically designed by musicians so that the hands fall naturally and intuitively to the controls.  It provides twelve discrete voices of polyphony with full multi-timbrility if required.  Adding to the ease of use is a large integral display screen that is context sensitive, i.e. it displays the control parameters of any control knobs immediately when touched by the user.  Quick recall banks enable preset sequences and settings to be stored for instant use such as during a live performance.  NCOs (Numerically Controlled Oscillators) are used for stability and accuracy while an analogue transistor ladder filter provides classic 'warm' sounds.  Full specifications can be found at www.modulusmusic.co.uk  

Synthesisers
Since the first commercial synthesisers became available in the 1960s - notably those from Moog, EMS, ARP, Roland and Korg, synthesiser music has been an integral part of the sound of each decade.  Experimental and Rock in the 60's by The Who and Pink Floyd.  Jean Michelle Jarre, Mike Oldfield, Kraftwerk, Abba, and Roxy Music are a few of the bands that brought the synthesiser into mainstream music in the 70s.  By the 80s, the choice of synthesiser sound defined the band for the likes of Depeche Mode, Soft Cell, Pet Shop Boys, Duran Duran, etc.  From the 90s on, synthesiser music then became the backbone of Techno, Trance, Acid, Garage, Rave and Hip Hop, and is still at the heart of music being created today and is as fundamental as the microphone in recording music.  

Francia, France Info spegne tre impianti in onde medie.

Secondo informazioni diffuse sul forum francese DocTSF, il 9 luglio sono stati spenti tre impianti in onde medie di France Info, il canale nazionale all news francese. Si tratterebbe dei trasmettitori di:

  • Nancy-Nomény (837 kHz)
  • Limoges-Nieul (792 kHz)
  • Toulouse Muret (945 kHz)


Le antenne sarebbero destinate allo smantellamento. È una notizia a suo modo sorprendente perché la rete a onde medie francese (13 frequenze) sembrava essere piuttosto consolidata e destinata a durare ancora. Se dovesse crollare Nizza 1557 sarebbe un fatto clamoroso. Nell'ottobre dello scorso anno, il regolatore CSA aveva pubblicato i risultati di una consultazione relativa alla concessione di nuove licenze in onde medie in alcune regioni, appello che ha raccolto solo una decina di contributi. A parte un tiepido orientamento alla viabilità delle onde medie per scopi trasmissivi comunitari, non sembrava esserci una ressa di operatori interessati.

Edjing, la console virtuale che mixa direttamente da Deezer.


Una console completamente virtuale per mixare in modo professionale brani che fluiscono in streaming dagli archivi di Deezer. Dalla collaborazione tra la piattaforma francese e una startup fondata da Charles-Marie Déjardin, Jean-Baptiste Hironde e Nicolas Dupré nasce un approccio interamente mobile based alla musica da rave party. Edjing è stata lanciata nel 2012 e oggi esce nella sua quarta versione, con una integrazione con Deezer ancora più completa ed ottimizzata. La musica da mixare può essere individuata grazie alle nuove funzionalità di ricerca e scoperta di nuovi brani disponibil: le classifiche, i contenuti suggeriti da Deezer ed i canali radio tematici. A partire da oggi, tutti gli utenti Premium+ di Deezer potranno avere accesso agli oltre 50 milioni di brani disponibili su edjing, inclusi gli oltre 30 milioni di canzoni del catalogo di Deezer. Edjing è compatibile con iOs, Android, Amazon,  e Windows 8 e a oggi è stata scaricata in 16 milioni di esemplari.

  



28 giugno 2014

Voice of America, addio onde corte per l'Asia

Da lunedì l'Asia non sentirà più Voice of America in inglese sulle onde corte: il Congresso, secondo SWLing.com che ha raccolto la notizia dall'ex corrispondente Dan Robinson, avrebbe decurtato drasticamente il budget per le trasmissioni per il continente asiatico. Chiuse le trasmissioni in azerbaigiano, bengali, cambogiano, curdo, laotiano e uzbeco. Forti limitazioni a Free Europe e Free Asia. Il rapporto costo/audience è diventato molto sfavorevole, a quanto sembra (a furia di sentirlo dire ci credo anch'io). Affermare che la radiofonia in onde corte sta morendo è banale e ripetitivo, potremmo organizzare un concorso aperto a chi riesce ad azzeccare meglio la previsione del momento in cui l'ultimo impianto broadcast tra 3 e 30 MHz verrà definitivamente spento, con buona pace di chi anche vivendo in nazioni governate da regimi oppressivi avrebbe potuto ascoltare con facilità (e senza dispositivi digitali comunque costosi e controllabili) buon giornalismo e politica equilibrata. Pazienza, tanto la prossima guerra farà passare tutto in secondo piano.

FAREWELL TO SHORTWAVE 
We were informed late Friday that BBG’s proposed shortwave cuts for FY2014 have been approved by Congress.
As of the end of the day on Monday, June 30th, all shortwave frequencies for English News programs to Asia will be eliminated. We will no longer be heard via shortwave in the morning (12-16 utc), and the evening (22-02utc)…mostly in Asia.
Shortwave frequencies for the following services will also be eliminated: Azerbaijani, Bangla, English (Learning), Khmer, Kurdish, Lao and Uzbek. Shortwave being used by services at RFE/RL and RFA are also being cut.
Because shortwave has been a cheap and effective way to receive communications in countries with poor infrastructure or repressive regimes, it was a good way to deliver information. But broadcasting via shortwave is expensive, and its use by listeners has been on the decline for years. At the BBG, the cost vs. impact equation no longer favors broadcasts via this medium to most of the world.
Important for us is that we will continue to be heard on shortwave frequencies during those hours we broadcast to Africa. Also, we know through our listener surveys that about half of our audience in Asia and the rest of the world listens to us via the web and podcast – so all is not lost.
Let’s break the news about this change to our audiences starting Sunday night. I doubt specific frequencies are critical to announce. The important point to make for our listeners is that we encourage their continued listening through local affiliates, and on the web at voanews.com.”

25 giugno 2014

Sorpresa, i canali Web Radio RAI spuntano sul DAB+. Ma la situazione della radio digitale è ferma.

Nella generale indifferenza in cui sembra essere ritornata la questione della radio digitale DAB+ in Italia, con sullo sfondo le possibili conseguenze sull'assetto di RaiWay, l'operatore dei tralicci radiotelevisivi, dei tagli imposti dal governo Renzi, ecco che proprio l'offerta di Radio RAI sul digitale si arricchisce, sul multiplex 12B (225,648 MHz), di tre nuovi canali. Per la prima volta i tre flussi che la RAI diffondeva solo via Web, i programmi WR6 (programmi d'archivio, ai quali è stata purtroppo imposta una brusca virata mistico-cattolica dall'arrivo del nuovo responsabile Sergio Valzania, ex-Radio Due) e WR7/8 (vari format musicali), si possono ascoltare via radio, senza un computer o uno smartphone collegato a Internet, con un apparecchio DAB+. Una decisione inattesa, ma auspicata da molti dei pochi appassionati del genere (il DAB ha una notorietà molto scarsa fuori dalla provincia di Trento che è stata teatro del primo vero lancio commerciale e ha visto il coinvolgimento della distribuzione e del retail di elettronica di consumo). Finora la RAI aveva esitato perché in Italia le direttive di Agcom impongono agli "incumbent", gli operatori già presenti in FM, un vincolo alla programmazione in simulcast di almeno il 50% dei contenuti trasmessi. In altre parole, un network FM non potrebbe in teoria trasmettere programmi diversi per più del 50% del tempo occupato sulla risorsa DAB assegnata. 
Un'altra notizia di stasera è che Eurodab, che fino a poco fa occupava con il suo multiplex il blocco 12A, sovrapponendosi alla frequenza utlizzata in Canton Ticino dal mux pubblico di RSI, ora si è spostata sul 13 E! Qualcosa si muove per la radio digitale che solo un anno fa si impegnava a coprire tutto il Nord Italia e l'Emilia? Personalmente sono contento di trovare finalmente on air l'offerta dei canali Web Radio, ma continuo a essere pessimista e penso che a questo punto dobbiamo sospendere per l'ennesima volta il giudizio e capire che cosa succederà di Raiway e del suo ruolo di fornitore dei consorzi DAB locali. Degli impegni presi a Trento si è realizzato poco, i grandi network non se la passano benissimo sul piano della pubblicità e a Trento stessa c'è stato un grosso pasticcio con consorzi come Eurodab e CR Dab. Beghe che hanno costretto Agcom a modificare le regole per la formazione dei multiplex tra network nazionali e stazioni locali faticano a consorziarsi. 
Sulla radio digitale continuiamo a fare tavoli, ma la triste realtà è che manca completamente un progetto vero, coordinato a livello nazionale e con obiettivi temporali precisi. Agcom, spiace dirlo, ha lavorato in maniera molto confusa, le regole sono espresse in linguaggio oscuro, fatte apposta per dar lavoro ai consulenti tecnico-legali (per carità, ci devono essere, ma per il pubblico è una barriera in più). La questione delle frequenze è un paradosso totale. Da anni dicono che vogliono rimuovere i vari ostacoli burocratici e di mercato (tipo le frequenze appannaggio della Difesa e roba del genere). Ma anche qui non si capisce a fondo perché in Italia il DAB si debba concentrare su pochissimi blocchi perché la continuità non c'è ancora (che succederà adesso per esempio dell'eterna bega di Europa 7 che finora occupava il canale 10?). Nel frattempo il consorzio Eurodab che fa riferimento a RTL continua una politica isolata di dispiegamento di impianti, positiva per l'aspetto della maggiore copertura, ma che certo non contribuisce a "fare sistema". 
Tutto il discorso dei multiplex e della loro ripartizione è vincolato alla disponibilità dei blocchi e alla regola del numero di "capacity unit" assegnato da Agcom. Ogni "programma" nel multiplex - in pratica ogni flusso radiofonico dall'FM o un nuovo entrante - ha 72 CU, su un totale nella cosiddetta Common Interleaved Frame del totale del multiplex pari a 864 CU. La CIF è l'insieme dei flussi codificati nel multiplex, è una trama di un totale di 55296 bit trasmessa ogni 24 millisecondi. La CU è lo spazio minimo indirizzabile e vale 64 bit. Il DAB è una bruttissima bestia perché si possono variare molti parametri, come il symbol rate della singola sottoportante OFDM, i vari error protection rate su cui puoi far leva per avere maggiore copertura o migliore qualità. C'è una tabella riassuntiva che trovate qui (cercate per la tabella 5.11.1) che riassume quanti flussi si possono mettere per vari bit rate per vari livelli di protezione audio (trovate quelli consigliati per i vari mezzi di distribuzione qui  tabella 5.2). Ma poi molto dipende da come implementi il tuo feed studio-multiplex, da che cosa succede materialmente tra generazione del suono, codifica, distribuzione, trasmissione... 
La vicenda degli assegnamenti è estremamente complessa perché quando è stato deciso l'assegnamento complessivo di 14 mux (1=RAI, 2=network privati nazionali e 11 in totale da assegnare ai consorzi regionali provinciali) CR Dab ha presentato ricorso al Tar. A Trento né Eurodab né CR Dab hanno partecipato alla discussione che ha coinvolto Rai, ClubDab e i due consorzi di emittenti locali Digiloc (emanazione di Aeranti-Corallo, che ha raggiunto un accordo di fornitura con Raiway) e DBTAA,  Digital Broadcasting Trentino Alto Adige EuroDab. CR Dab spiega molte sue posizioni qui
Proprio in considerazione dei problemi che la composizione del secondo multiplex delle nazionali aveva comportato a Trento, Agcom aveva variato (delibera 567/13/CONS, Allegato A) le regole di assegnamento in modo da consentire un beauty contest tra coloro che fossero disponibili a trasmettere "qualora le società consortili non raggiungano la percentuale di partecipazione di cui al comma 5, i diritti d’uso delle radiofrequenze per le trasmissioni radiofoniche terrestri in tecnica digitale sono assegnati mediante la procedura di selezione comparativa". Contro la 567 è stata presentato ricorso al TAR del Lazio, ricorso che è stato respinto nel gennaio di quest'anno. Come si vede la situazione è molto intricata e molti editori e consorzi rimangono critici su una questione che non è da poco: le risorse in termini di numero di blocchi disponibili sono meno del dovuto, 14 multiplex in totale non sono sufficienti per tutti, non permettono agli incumbent di sperimentare nuovi contenuti (i privati hanno in pratica spazio per sistemare 24 canali oggi presenti in FM su scala nazionale). CR Dab chiede per esempio che sia esplicitamente prevista la possibilità di sperimentare sistemi alternativi come il DRM. FRT, con CR Dab, lamenta anche lei le poche risorse per le emittenti locali. La verità è che è molto difficile uscire fuori dal ginepraio: il DAB è stato pensato in una Europa in cui il fenomeno della radiofonia commerciale, sorto come qualcosa di estraneo alla tradizione storica fortemente statalista, era ormai stato metabolizzato attraverso procedure più o meno rigorose di regolamentazione dell'FM. L'Italia è una anomalia completa. Forse anche la Spagna presenterebbe dei problemi considerato la vistosa presenza di emittenti del tutto prive di licenza e una tradizione locale-commerciale che risale a prima della guerra, ma niente a che vedere con la situazione italiana. Ci vorrebbe un salto di fantasia, l'adozione di un sistema misto come sostiene CR Dab, per esempio, anche se sul DRM+ non si può seriamente contare, la componentistica e i ricevitori sono a zero). Certamente lato offerta c'è un problema di rappresentanza e di mancato coordinamento esteso. 
A livello di regolamentazione pesa come un macigno la mancanza a livello nazionale di progettualità autentica, di volontà di pensare a un futuro mediatico che non debba servire unicamente gli interessi del duopolio televisivo. La radiofonia è un bene di tutti? E allora si studi il modo per fare gli interessi di tutti, ma proprio tutti. 

21 giugno 2014

Nome in codice Verity: radio e spie della guerra in un romanzo per ragazzi

Tra pochissimi giorni in libreria - il 25 giugno per la precisione - la versione italiana del romanzo per ragazzi di Elizabeth Wein, "Code Name Verity". "Nome in codice Verity" viene pubblicato da Rizzoli ed è stato tradotto da Giulia Bertoldo, che ha scoperto su Internet Radiopassioni e mi ha contattato per un parere relativa alla complessa terminologia originale del romanzo. La storia della coraggiosa Julie Beaufort-Stuart - alias Verity - è l'appassionante Odissea di un'agente segreta che cade nelle mani della Gestapo e cerca di portare a casa la pelle durante l'interrogatorio imbastendo una rischiosa strategia di scambio di informazioni e reciproci vantaggi. La Wein è un'autrice per giovani lettori, ma la sua prosa - e i dettagli storici e tecnici - non accettano compromessi. Nel  testo sono numerosi i momenti in cui la radio e le trasmissioni cifrate hanno un ruolo fondamentale e Giulia ha avuto l'amabilità di chiedermi una consulenza per  rafforzare la precisione di una traduzione che a dire il vero mi è parsa subito molto scorrevole ed efficace. 
Complimenti a Giulia e tanti auguri come traduttrice ufficiali della Wein e, confido, di tanti altri autori.

19 giugno 2014

Programmi finanziati dal crowd-funding: la radiofonia può vivere senza radio?

È davvero pensabile un modello di radiofonia libera almeno in parte, da concetti tradizionali come "infrastruttura trasmissiva", "network", "canone", "spot pubblicitario" e in grado di rendersi completamente autonoma dal punto di vista della fruizione e del finanziamento? Se dobbiamo fidarci di "radiofonari" esperti come Sergio Ferrentino e Alessio Bertallot - insieme a Novara in occasione del Festival delle Web radio universitarie organizzato da Raduni, il FRU2014 organizzato da Radio 6023 - sembrerebbe di sì. Ferrentino in particolare è convinto che casi come Fiorello e lo stesso Bertallot dimostrano che certe personalità radiofoniche potrebbero proporsi sul mercato attraverso un modello che sostanzialmente possiamo chiamare di podcast in abbonamento, o a consumo, mentre la radiofonia convenzionale dovrà sempre più orientarsi al servizio, all'informazione locale o per fasce specifiche di ascoltatori, gli automobilisti, i turisti, gli anziani e così via.
Anche di questo si è parlato nella conferenza di apertura di FRU2014 con Giorgio Simonelli (Università Cattolica), Sergio Ferrentino (Fonderia Mercury), Alessio Bertallot (CasaBertallot),  Marcello Pozza (Bata in store radio e Good Mood edizioni audiolibri) e Michele Tesolin (presidente RadUni). Su questo convegno varrà la pena ritornare, perché i relatori hanno dato moltissimi spunti sul complesso tema del passaggio da una radiofonia a modello misto pubblico-privato che ci ha accompagnati negli ultimi 40 anni a un mondo diverso, in cui la radio pubblica e commerciale è in vistosa crisi di fiato, sul piano finanziario, pubblicitario, dei contenuti. Intanto potete ascoltare qui l'audio dell'evento:

Nel frattempo però il modello di cui parla Ferrentino sta lanciando segnali interessanti nell'ambito del crowd sourcing (adottato del resto da Bertallot per la sua fortunata formula di "hausmusik" in senso quasi settecentesco). Su piattaforme come Kickstarter e Indiegogo si moltiplicano le richieste di finanziamento che arrivano dagli ideatori di programmi radiofonici, anche cult, che oggi faticano a trovare sponsor e spazi sui network e on the air, malgrado da tempo abbiano adottato la formula (molto simile al podcast se ci riflettiamo bene) della syndication. Giorni fa mi è capitato di segnalare su Facebook, il caso dei Radio Diaries, una serie della Public Radio americana che si sofferma sulla vita, mai banale, delle persone comuni. Su Kickstarter i Diaries cercano di raccogliere ben 40 mila dollari e a 8 giorni dalla conclusione della campagna sono arrivati a 26 mila. Ai sostenitori verranno regalate anche radio a transistor "vintage".
Oggi, su segnalazione di Francesco Baschieri di Spreaker (a proposito, andate a vedere la loro nuova mobile app per diventare in un minuto podcaster con lo smartphone), capito sulla newsletter Radio & Internet News, dove insieme ai Radio Diaries vengono illustrate diverse campagne di crowd funding di matrice radiofonica, non solo americane come dimostra il caso del britannico The Media Podcast. Insomma, forse il mondo sta cambiando davvero e continuerà a essere sostenibile. L'unico problema, rilevato anche dai relatori del FRU, è quello della identità troppo debole del singolo programma rispetto alla visibilità che può avere la radio in generale attraverso un network nazionale o una importante stazione locale. Riusciranno gli eroi della nuova radiofonia virtuale a fare a meno del brand? Finora i tentativi di costruire visibilità con gli aggregatori di podcast non hanno avuto enorme successo, anche se ormai brand come Soundcloud e lo stesso Spreaker sono molto solidi (non a caso Soundcloud viene scelto da molti come piattaforma di distribuzione). Voi che ne pensate?

DSN Now, tutto il traffico radio interstellare secondo per secondo


La Deep Space Network della NASA, la rete di tre postazioni di antenne paraboliche che gestisce tutte le attività di controllo e comunicazione delle sonde spaziali delle varie missioni NASA e di altri enti, celebra i 50 anni di attività con un bellissimo sito Web istituzionale pieno di informazioni e immagini e con DSN Now un servizio "open data" che permette di osservare in tempo reale le comunicazioni che avvengono in quel momento tra una specifica antenna e una sonda.

Naturalmente non si entra nel dettaglio del traffico ma sono disponibili molte informazioni. Le frequenze approssimate di uplink e downlink, la presenza di telemetria o di sole portanti, la velocità di trasferimento dati. Per ogni antenna e sonda vengono fornite illustrazioni e sommarie descrizione. Insomma, una specie di cruscotto delle comunicazioni spaziali che non potrà non affascinare, vista la natura di questi segnali, i fedelissimi della radio a lunghissima (siderale in questi casi) distanza.

05 giugno 2014

DRM, la sudafricana Radio Pulpit sperimenta il digitale sulle onde medie.

Partirà il 25 giugno la Piattaforma sudafricana per la sperimentazione della radiofonia digitale DRM (Digital Radio Mondiale). Il progetto prevede anche la sperimentazione di trasmissioni in DRM sulle onde medie di Radio Pulpit, emittente cristiana che opera sui 657 kHz da Gauteng e copre la parte settentrionale del Free State e parti delle province di Mpumalanga e Kwazulu-Natal e ha una consorella, Cape Pulpit, su 729 kHz. Ecco il comunicato del DRM Consortium:

The DRM Consortium is expanding its activities with the launch of a new DRM Platform in Southern Africa. The objectives of the DRM Consortium’s Southern Africa DRM Platform, a voluntary group without financial aims, are to coordinate the various industry stakeholders in the countries of Southern Africa interested in DRM, to stimulate the introduction and roll-out of DRM broadcasts and to demonstrate a business case for producing and selling DRM radio sets or auxiliary devices. The DRM Platform in Southern Africa joins thus the Indian, Brazilian, German and other DRM national platforms working together with the DRM Consortium but using national knowledge and expertise.
The launch of the Southern Africa DRM Platform is scheduled on June 25th June and will be followed a week later by the beginning of the first DRM medium wave trial (by Radio Pulpit) in South Africa.
Dr Roelf Petersen of Radio Pulpit, the Chairman of the new Platform says: “My role will be to coordinate the strength of all the African parties involved, in order to ensure that the great potential of the DRM technology becomes a practical reality for serving the peoples of Southern Africa.”
The DRM Consortium has already been present in Southern Africa, recently attending a well-attended SABA Digital Radio Broadcasting Summit in Cape Town, and being part of other SABA events in Johannesburg and in Arusha (Tanzania) last year.
“The DRM global standard can be used in all radio frequency bands and is ideal for the large countries of Southern Africa”, stresses Ruxandra Obreja, DRM Chairman. ”From national networks and regional stations to smaller commercial and community stations, all would be able to broadcast their digital radio programmes with enhanced content and in excellent sound quality to everyone in their respective countries. DRM is an ideal African digital solution and we have high hopes of the activity of the newly created DRM Southern Africa Platform, now open to all those interested.”

Malgrado si tratti di una norma tecnica molto consolidata e adatta a trasmissioni in AM e FM su un ampio spettro di frequenze broadcast, le prospettive di mercato restano incerte. Le sperimentazioni in onde medie Europa sono praticamente chiuse, e le onde corte annaspano alquanto. I progetti di digitalizzazione annunciati dalla Russia a suo tempo si sono arenati forse definitivamente e anche in India le opportunità non sono chiare. Soprattutto pesa ancora la sostanziale assenza di fornitori di ricevitori in volume: finora i pochi modelli di radio DRM stand alone (cioè non dipendenti da computer e software esterni) hanno deluso sul piano della qualità, dei volumi di produzione e delle vendite.