15 gennaio 2010

Haïti sull'orlo del tracollo

In circostanze così drammatiche ecco un secondo post sul devastante terremoto di Haïti. Approfitto anche per rispondere al commento di Roberto in calce oggi al post di ieri: sì, andando sul sito di Radio Metropole vedrai che Nancy Roc la giornalista premiata in Italia, ha ancora il suo programma. Ho visto tra l'altro che anche gli amici di Newsline citano SignalFm, altra stazione locale, e le incredibili fotografie pubblicate in queste ore.
Un messaggio di Enrico IZ2KQP giratomi cortesemente da Francisco Clemente mi rivela una bella iniziativa, mobilitatasi in queste ore in direzione di Port-au-Prince. Earstoourworld.com è una "charity" molto particolare, la cui missione è rifornire le aule scolastiche delle nazioni più povere di apparecchi radio a onde corte, raccogliendo le piccole somme versate da donatori di tutto il mondo. In queste ore molti broadcaster internazionali si stanno attivando per rafforzare la loro programmazione in francese e in creolo. La VOA ha cominciato subito, attraverso le antenne a onde medie di Marathon, in Florida, con nuove trasmissioni nella lingua locale. Considerate le difficoltà incotrate con altri mezzi di comunicazione, telefonino incluso (che però, dove funziona, ormai tende a prendere il sopravvento su tutto il resto), la radio a lunga distanza dimostra di poter avere un ruolo prezioso e Ears to our World cerca di favorirne la diffusione.
JANUARY 14, 2010

Broadcasters, Telecom Firms Offer Help For Haiti
By Juliana Gruenwald

U.S. broadcasters and telecom companies are pitching in to help relief efforts for Haiti after the country was devastated by a major earthquake earlier this week. The National Association of Broadcasters said Thursday that a public service announcement featuring First Lady Michele Obama and detailing "critical earthquake relief information" will be available Friday for download on NAB's public service Web site by radio and television stations.
The NAB also encouraged broadcasters to produce localized public service announcements urging help for the Haitian relief efforts and called on stations to participate in the group's "Broadcasters for Haiti Day" on Feb. 1 by dedicating airtime on that day for "fundraising relief efforts, telephone banks, radiothons and telethons."
Meanwhile, Sen. John Kerry, D-Mass., chairman of the Senate Commerce Communications, Technology, and the Internet Subcommittee, Thursday praised the efforts of several telecommunications companies in providing communications expertise, equipment and manpower to Haiti. "I'm in touch with industry leaders to try and mobilize more resources faster and greatly appreciate their efforts," Kerry said in a statement.
He noted that Télécoms Sans Frontières (TSF), a telecom humanitarian organization that provides emergency telecommunications services, is deploying two emergency teams to Haiti to set up emergency telecom centers for emergency first responders. In addition, CapRock Government Services is providing satellite phone services to U.S. military personnel sent to assist the relief effort, while Iridium has provided satellite handsets to the Defense Department, Federal Emergency Management Agency and TSF, Kerry said.
Giustamente Christian Diemoz mi segnala Radioreference, il database-wiki con centinaia di frequenze radio "di servizio". Anche questo benemerito sito ha prontamente allestito una sezione speciale haitiana, con parecchie frequenze non broadcast civili, militari, areonautiche e radioamatoriali. Troverete anche riferimenti a siti di operatori ham radio che hanno creato link audio a frequenze HF e Echolink. Io continuo a non sentire niente, temo che in questo infernale disastro non sia molto facile intervenire. I radioamatori possono dare il loro contributo a supporto di una azione coordinata di soccorso, che ad Haiti dev'essere ancora in fase molto embrionale.
Molto bello questo articolo apparso oggi sul sito dell'emittente pubblica televisiva PBS sull'ansia con cui la comunità haitiana di New York cerca di seguire le notizie ripetute attraverso i microfoni di Radio Soleil d'Haiti, low power "non autorizzata" della parte bassa dello spettro FM di Brooklyn (qui un bell'articolo sul fenomeno di questa e altre stazioni etniche). L'emittente illegale era famosa per il suo storico commentatore Lionel Legrand, morto nell'aprile scorso.

HAITI -- January 15, 2010
Waiting for News From Haiti in Brooklyn


BROOKLYN, N.Y.--The Haitians and Haitian-Americans of New York can see the newsstand photos of unimaginable suffering. They watch hour after hour of the television coverage that is now flowing freely from Port au Prince.
For most of us, that coverage tells everything we need to know... the who, what, where, when, why. For the Haitians of Brooklyn, that's not nearly enough.
The rumbling from underground took down power lines, transmission lines, and the basic underpinning of power and communications. Those tremors struck at the heart of the worldwide communications tool of the poor: the cell phone.
Here and there you can find people in Flatbush who have gotten through during a random few minutes of service, checking on who is hurt and who is not, who is accounted for and who is still missing. When that phone call ends, an anxious relative in Brooklyn often does not know when their endless speed-dialing will get them through again.
Radio Soleil D'Haiti, Sun of Haiti Radio, is tucked into a storefront on a commercial street in Flatbush. Today the front reception area was jammed with people speaking Haitian Creole, sometimes into multiple phones. I met a young nurse, Haitian-born, Brooklyn-educated, who passed by to see what people knew, whether new sources of intelligence were opening on the island.
Fabienne Jean was admirably composed. Her father, who brought her to Brooklyn from Haiti in 1984, was back in the island nation for a visit that began just before New Year's Day. In a tough Port au Prince neighborhood, he had been shot, and admitted to a nearby hospital for treatment. One bullet hurt his arm, another lodged close to his lungs, too close for Haitian doctors to safely extract it. Jean's father planned to come back to Brooklyn and head right to the hospital for the surgery he couldn't get in Haiti.
Tuesday, he was discharged. Then the ground began to shake. For Fabienne Jean, a few successful phone calls over the course of 73 hours have not been enough to figure out where her father is now.
After the front door of the hospital, the trail goes cold. As she tells me the story she gets a catch in her throat, and quickly wipes a forming tear from the corner of her eye. An aunt, who owns a popular Brooklyn restaurant, is missing. A cousin is hurt, but will be OK.
Jean's brother has been seen safe and sound by a relative since the quake, but no one knows where he is now. "I know he made it," Jean said, "but still, I'd like to hear his voice, you know?"
Felipe Doussou was born in Brooklyn. He's watched as his Haitian-born parents have stayed up around the clock, making repeated attempts to get a phone call through. One branch of the family should be OK, it is based far from the epicenter of the quake. Another branch is in the heart of one of the worst-effected areas.
I asked Doussou if his parents had already started to come to terms with the idea that some have died, given the terrible scenes of mass death now coming here from Haiti. He smiled, "We're optimistic. We're waiting for the phones to work again."
As a neighborhood folk hero, and one of the best-known members of the community, Ricot Dupuy of Radio Soleil D'Haiti, is doing what he can to get information in Creole out to a waiting community. His station is carrying the signal of a sister station in the Haitian capital, with occasional interruptions for news bulletins in Brooklyn. He's barely slept since the quake, and talks to me in a radio announce booth at the end of a long corridor jammed with station people, neighbors looking for help, and the world's press looking for a story.
Dupuy tells me the magnitude of the tragedy hasn't sped up the response from New York, one of the largest populations in the Haitian diaspora, but slowed it down. He expects the necessary coordination to come together in the coming days to more closely resemble the aid that came pouring out of Brooklyn in 2008, when Haiti was hit with five hurricanes and tropical storms in one terrible season.
New York City Councilman Mathieu Eugene is the first Haitian-born politician elected to the city's legislature. He too is a veteran of the hurricane relief emergency effort, and has been disappointed to find that the systems and structures to get help to Haiti has to be built every time from scratch.
For now, he says, even if all the medicine, food, water, and shelter Haiti needed started pouring in, there is no way the country could handle it. So much infrastructure is now rubble even the decency and charity of governments and individuals around the world won't be enough to save the struggling people of Haiti.

Anche a Philadelphia, Radio Vision Celeste, ascoltabile sugli 88.5 in FM ma solo con ricevitori attrezzati per il servizio SCA Subsidiary Communication, ormai desueto (sfrutta delle sottoportanti modulate delle normali portanti FM e richiede particolari adattatori, un po' come la filodiffusione ma senza filo), cerca di esaudire le richieste angosciate dei suoi ascoltatori. Lo riferisce un servizio dell'emittente locale ABC.

Oggi Repubblica ha pubblicato un interessantissimo pezzo di Gabriella Colarusso sulla geolocalizzazione e i mash-up che in queste ore fioccano per incrociare informazioni di tipo testuale, visivo e geografico. Anche qui i protagonisti sono gli smartphone, che anche quando non possono funzionare sui luoghi dei disastri per problemi infrastrutturali, consentono di ottenere informazioni e - fatto molto importante - effettuare facilmente donazioni in danaro.

Dall'Africa a Palo Alto
Crisis mappers per Haiti

In rete si moltiplicano le informazioni geolocalizzate per gestire l'emergenza. Come Ushahidi, piattaforma di crowdsourcing che permette raccoglie e organizza sms, tweets, mail. Nacque nel 2008 per raccontare le violenze post-elettorali in Kenya

MIGLIAIA di tweet, post, mail, sms. Feriti intrappolati sotto le macerie, ospedali crollati, scuole rase al suolo. La rete è inondata di notizie che provengono da Haiti. Ma come renderle facilmente accessibili alle organizzazioni umanitarie e agevolare così i soccorsi? Una risposta arriva dall'Africa. Ushahidi, la piattaforma di crowdsourcing che permette di raccogliere informazioni dalla folla attraverso sms, tweets, mail, nata nel 2008 per raccontare le violenze post-elettorali in Kenya, e usata anche da Al Jazeera per la copertura dell'ultima guerra a Gaza, ha messo online una pagina dedicata alla crisi haitiana. In meno di 12 ore sono già stati raccolti quasi 3000 messaggi, in gran parte via Twitter (via sms +447624802524 o via email: haiti@ushahidi.com).
Una volta verificate, le informazioni vengono visualizzate su una mappa, divise per categorie: strutture crollate, scuole e ospedali danneggiati, strade bloccate, persone intrappolate sotto le macerie, incendi e zone senza acqua potabile. La piattaforma, rilasciata in beta come applicazione open source, è scaricabile gratuitamente. (Il New York Times, secondo quanto riferisce l'Huffington post, sta cercando il modo di integrarla per seguire gli sviluppi della situazione ad Haiti).
Per mettere a punto il software, il team di Ushahidi, composto da sviluppatori africani (da Kenya, South Africa, Malawi, Ghana) ma anche olandesi e americani, ha cominciato a lavorare già poche ore dopo la notizia della prima scossa (qui il racconto di Ory Okolloh, avvocatessa e blogger keniana che dirige il progetto, coordinandosi attraverso l'International Network of Crisis Mappers (CM*Net). "Abbiamo un numero di telefono internazionale - scrive Okolloh - ma stiamo lavorando con i nostri colleghi di CM*Net e dell'Insteadd per avere anche numeri locali".
L'InStedd di Palo Alto (Innovative support to emergencies, diseases and distaster) è specializzata in gestione delle informazioni in situazioni di emergenza. Ha già testato nel Sud Est asiatico il software GeoChat, open source, pensato per le organizzazioni umanitarie e no-profit, che consente a chiunque sia dotato di telefonino o di computer di segnalare immediatamente la propria posizione, i bisogni sanitari/umanitari e le strutture più vicine in grado di soddisfarli, comunicarli a chi è nella stessa zona e localizzare gli altri su una mappa.
L'applicazione potrebbe servire anche per l'emergenza haitiana. A Palo Alto sono a lavoro. Ma è l'intera comunità dei crisis mappers a mobilitarsi. Mikel Maron di OpenStreetMap ha lanciato una pagina wiki per condividere in tempo reale le informazioni sul terremoto. Lo stesso ha fatto GeoCommons, il sito che permette di costruire mappe semplici e repository di dati geografici generati dagli utenti, sotto licenza Creative Commons.
Un team di MapAction, ong che si occupa del coordinamento delle informazioni durante le crisi umanitarie o catastrofi natuarali, attraverso i sistemi Gis (Geographical Information System) e le mappe, è già in volo per l'isola caraibica: "Il nostro lavoro - scrive sul sito il direttore generale Nigel Woof - è raccogliere informazioni che possano essere mappate per creare così un quadro operativo d'insieme in modo che le persone che ne hanno più bisogno ricevano immediata assistenza".

1 commento:

Roberto ha detto...

Grazie Andrea anche per questo approfondimento. Approfitto per segnalare che il tuo precedente post su Haiti è servito da spunto per un mio articolo nel sito di Peacelink che potete leggere qui: http://www.peacelink.it/latina/a/31003.html e che cita abbondantemente i tuoi link :-)